Disability Glam, fotografo che fa nudi d’autore con le persone con disabilità

Gianfranco Falcone, autore e blogger milanese in carrozzina, ha ritratto senza veli donne e uomini portatori di una disabilità con il suo progetto “Disability Glam, la disabilità svelata”

Una serie di scatti che ritrae i corpi nudi delle persone con una disabilità per mostrarne la bellezza. È “Disability glam, la disabilità svelata”, il progetto dello psicologo, fotografo e autore milanese Gianfranco Falcone, che attraverso la sua lente ha immortalato senza veli chi come lui vive ogni giorno alle prese con una carrozzina o una malattia degenerativa.

“Con il progetto Disability Glam voglio far parlare il bello.Il Disability Glam è dedicato alla bellezza di corpi, cuori e menti non omologate, di vite che si svelano, ognuna a proprio capriccio, ognuna scegliendo il limite con cui mostrarsi e guardarsi” dice Gianfranco Falcone

Corpi non conformi

“Con questa serie di ritratti ho voluto celebrare la bellezza dei ‘corpi non conformi’, ovvero quei corpi che a causa di una disabilità non rientrano nei canoni di quel che la società definisce bello – spiega Gianfranco a Milano Today -. Quando si parla delle persone disabili se ne parla sempre dal punto di vista del bisogno. Cosa manca alle persone in carrozzina? Perché la città non è accessibile? E così via. Non si cerca mai di guardare alla bellezza che una persona disabile ha dentro di sé, alla bellezza che può offrire all’esterno, agli altri. Figuriamoci quando si parla di corpi nudi. Ebbene, con queste foto ho voluto mostrare che anche un corpo ritenuto non conforme può essere bello, carico di sensualità”.

Martina. Disability Glam, la disabilità svelata. © Gianfranco Falcone.
I disabili non sono angeli asessuati

La raccolta fotografica è già apparsa in parte sui periodici l’Espresso e Menti in fuga, ed è inserita all’interno del progetto teatrale ‘Disability Project’ con la Compagnia NoGravity, in scena al Teatro Menotti di Milano il 3 dicembre, per cui Gianfranco Falcone ha effettuato la consulenza scientifica. Tra i temi affrontati, anche il sesso e la sessualità, un aspetto del tutto normale nella vita quotidiana di ciascuno che, tuttavia, nell’immaginario collettivo è precluso ai disabili.

“Non siamo angeli, anche noi facciamo sesso e proviamo piacere come ogni persona”, racconta Francesca Martina Donna, scrittrice e attivista che ha posato nuda per Gianfranco (s)vestendo i panni da modella. “Ci siamo incontrati professionalmente perché entrambi condividevamo il desiderio di parlare di corpi non conformi. Dopo anni di lavoro su me stessa e percorsi di analisi interiore ho finalmente imparato ad accettare il mio corpo nonostante la disabilità, e ho capito che la bellezza sta negli occhi di chi guarda.

Perché chi è che decide cosa è bello? Che cosa è conforme? Sono stereotipi sociali che in realtà non hanno senso. Ciascuno di noi può esprimere la propria sessualità, così come pure ha diritto a provare piacere. In questo senso l’Italia ha ancora grandi passi avanti da fare, magari introducendo figure come l’assistente sessuale. Perché non ci dev’essere nulla di cui vergognarsi nel dire che anche noi disabili ci soddisfiamo e soddisfiamo i nostri partner”. (milanotoday.it)

Una-tantum
Mensile
Annuale

Make a one-time donation

Make a monthly donation

Make a yearly donation

Scegli un importo

€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

In alternativa inserisci un importo personalizzato


Your contribution is appreciated.

Your contribution is appreciated.

Your contribution is appreciated.

DonateDonate monthlyDonate yearly

Redazione

Writer & Blogger

Sponsor