“Bene Fai per tutti”, anche il Giardino della Kolymbethra accessibile ai visitatori con disabilità intellettiva

Nel 2020 il progetto del FAI – Fondo Ambiente Italiano “Bene FAI per tutti” volto a rendere la cultura un bene accessibile alle persone con disabilità intellettiva – ideato e realizzato dall’Associazione L’abilità Onlus con la Fondazione De Agostini e reso possibile grazie al prezioso sostegno di JTI (Japan Tobacco International) – si amplia e arriva a coinvolgere due nuovi Beni del FAI, per un totale di undici in tutta Italia.

Da oggi infatti si potranno scaricare dal sito www.benefaipertutti.it le guide in linguaggio semplificato riguardanti il Negozio Olivetti in piazza San Marco a Venezia, capolavoro dell’architettura del Novecento progettato da Carlo Scarpa e affidato in concessione al FAI da Generali Italia nel 2011, e il Giardino della Kolymbethra ad Agrigento, gioiello archeologico e agricolo nel cuore della Valle dei Templi, in concessione al FAI dalla Regione Autonoma della Sicilia dal 1999. Testi “easy to read” arricchiti con fotografie, illustrazioni e mappe, che renderanno la visita un’esperienza inclusiva e piacevole e che permetteranno agli ospiti e ai loro caregiver (genitori, insegnanti, accompagnatori) di familiarizzare con i luoghi e apprenderne la storia, le caratteristiche e le curiosità in modo coinvolgente, grazie a strumenti di comunicazione studiati per ridurre lo stress della persona con disabilità e la sua difficoltà di comprensione del contesto.
“Il Negozio Olivetti è un gioiello dell’architettura contemporanea sito in una delle piazze più belle del mondo, un luogo in cui si possono ammirare sia le soluzioni spaziali e i ricercati dettagli progettati da Carlo Scarpa, sia le macchine da scrivere e da calcolo Olivetti che rappresentano la storia dell’indimenticabile fabbrica di Ivrea” – commenta Elena Borghello, Responsabile Operativa di Negozio Olivetti – “La guida ‘Bene FAI per tutti’ arricchisce la nostra proposta formativa offrendo anche ai visitatori con disabilità intellettiva la chiave per capire e apprezzare questo grande capolavoro. Sarà una grande soddisfazione per noi poter accogliere questo pubblico speciale con un supporto adatto a consentire una visita approfondita e ricca di stimoli”.
Siamo orgogliosi di includere il Giardino della Kolymbethra tra i Beni FAI nei quali è attivo il progetto ‘Bene FAI per tutti’” – afferma Giuseppe Lopilato, Property Manager del Giardino della Kolymbethra – “Da questo momento, infatti, anche i visitatori con disabilità intellettiva potranno scoprire questo angolo di paradiso che racchiude i colori, i sapori e i profumi della terra di Sicilia e racconta, con il suo paesaggio e i suoi ipogei, scavati 2.500 anni fa, la storia dell’antica piscina di Akragas poi trasformata in uno splendido giardino mediterraneo. Siamo sicuri che anche questi visitatori ne rimarranno incantati, come già accade alle migliaia di persone che ogni anno godono della bellezza questo gioiello archeologico e agricolo”.
Soddisfazione anche nelle parole di Carlo Riva, Direttore di L’abilità Onlus: “Due nuovi Beni FAI legati da un unico filo conduttore, lo stupore che si prova nel visitarli, si aggiungono ai nove già accessibili alle persone con disabilità intellettiva. Con queste due nuove proposte continua l’azione educativa inclusiva che permetterà a questo tipo di pubblico sia di comprendere il valore della natura e delle sue caratteristiche nella storia millenaria del Giardino della Kolymbethra  sia di avvicinarsi alla filosofia imprenditoriale di Adriano Olivetti e ai suoi prodotti nel Negozio di piazza San Marco a Venezia. Ancora una volta la sfida culturale di ‘Beni FAI per tutti’ ha analizzato e reso fruibili concetti, azioni, opere per rendere possibili visite ed esperienze di crescita per le persone con disabilità intellettiva”.
Quello dell’inclusione sociale è un tema chiave che crediamo debba guidare la programmazione per la ripartenza economica e culturale del nostro Paese” – dichiara Lorenzo Fronteddu, Direttore Corporate Affairs & Communications di JTI Italia -“Per questo, siamo felici che il progetto ‘Bene Fai per tutti’ si sia esteso ulteriormente per continuare a rispondere all’esigenza di maggiore accessibilità che nasce nelle comunità locali”
*****
Gli undici Beni FAI coinvolti nel progetto “Bene FAI per tutti”:
Il progetto “Bene FAI per tutti” è stato avviato nel 2016 in due Beni del FAI: Villa e Collezione Panza a Varese e Villa Necchi Campiglio a Milano. Nel 2017 ai primi due luoghi si sono aggiunti il Castello e Parco di Masino a Caravino (TO), Villa dei Vescovi a Luvigliano di Torreglia (PD) e Torre e Casa Campatelli a San Gimignano (SI), mentre nel 2018 due nuove realtà sono state incluse nel progetto: il Parco Villa Gregoriana a Tivoli (RM) e il Bosco di San Francesco ad Assisi (PG). Nel 2019, grazie al rinnovo della collaborazione con JTI (Japan Tobacco International) fino al 2021, il FAI ha potuto accrescere questa importante offerta con Casa Noha a Matera e con l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate a Lecce e ora, a settembre 2020, è in grado di ampliarla ulteriormente grazie alle realizzazione di due nuove guide per la visita semplificata al Negozio Olivetti a Venezia e al Giardino della Kolymbethra ad Agrigento. (canicattiweb.com)

Il tuo contributo è fondamentale
per avere un’informazione di qualità.
Abbonati al Blog a soli €24,99 / anno

Leggi di più su questo contenuto abbonandoti subito.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright 2022 di Giovanni Cupidi | Creato da Igor Damilano