La svolta delle piattaforme streaming sulla disabilità

Sulle piattaforme di streaming trovano spazio titoli che mettono al centro l’esperienza delle persone con disabilità

Su organi di stampa nazionali viene riportato che nelle prime stagioni di Sex Education il tema della disabilità e dell’accessibilità era solo stato sfiorato in superficie. La quarta e ultima stagione, invece, rende lo spettatore consapevole dei limiti che vive chi è disabile. Un finale forte e anche educativo. È uno dei motivi del successo di Sex Education, che si è conclusa con una serie di messaggi che non riguardano solo la disabilità, ma anche la sessualità e i sentimenti. Netflix ha saputo mettere in scena il bello e il brutto della vita di tutti i giorni, ma soprattutto rappresentare sullo schermo ogni spettatore, a seconda delle diverse specificità: i personaggi vanno dal ragazzo che non cammina alla ragazza sorda, ma anche dal transessuale all’asessuale. 

Piattaforma streaming Netflix Trailer

In Sex Education la sensazione di diversità accomuna e avvicina i protagonisti e viene mostrata come molto più frequente di quello che pensiamo. Quello della serie nei confronti delle persone con disabilità è un approccio di delicata attenzione: la disabilità non è il tema centrale, ma viene mostrata come semplice caratteristica umana di un qualunque personaggio. Nella quarta stagione di Sex Education entra in scena Aisha Green, di colore e queer e che sprigiona positività. Aisha, però, è anche sorda e si aiuta leggendo il labiale. La ragazza odia destare clamore, questo è ciò che va dicendo e come si giustifica per non aver richiesto i sottotitoli al cinema.

La serie è infatti ambientata nel Regno Unito, dove i sottotitoli generalmente vengono usati, a differenza per esempio dell’Italia che generalmente non li utilizza. Aisha prova vergogna nel reclamare quanto le spetta di diritto e si mostra sempre positiva e ottimista. Ma a un certo punto arriva anche lei a esprimere tutta la sua irritazione e enuncia le difficoltà che provano le persone con disabilità sensoriali (quando scatta l’allarme antincendio e tutti escono fuori dalla classe senza avvertirla).

Ma c’è anche un’altra serie che ci dà prova della profondità a cui possono arrivare le produzioni Netflix. Tutta la luce che non vediamo è l’adattamento televisivo dell’omonimo romanzo scritto da Anthony Doerr, che ha vinto il premio Pulitzer nel 2015. È una storia che ci apre gli occhi sulla diversa prospettiva di vita fornitaci da coloro che hanno dovuto trovare una maniera ingegnosa per viverla. Anche se da sempre vige il pregiudizio che ciò che è difforme ci è nemico, è imperfetto, è debole. Lo dimostra anche il contesto storico in cui è ambientata la serie, ovvero la Francia occupata dai tedeschi durante la Seconda guerra mondiale.

Il genocidio nazista è proprio cominciato con le persone con disabilità, dopo che nel 1933 era stata promulgata la legge che stabiliva la sterilizzazione forzata di chi presentava patologie psichiche e fisiche. In Tutta la luce che non vediamo la protagonista è Marie-Laure, una ragazza francese cieca, che ripete per radio gli insegnamenti di un professore che ascoltava da bambina. Marie-Laure rappresenta la speranza e la fiducia che si ha in quello che non si vede, ma sappiamo che esiste.

Le misure che vengono adottate dalla piattaforma per rendere i film e le serie più accessibili sono il controllo della luminosità, la possibilità di modificare il carattere, la dimensione, l’ombra e il colore di sfondo dei sottotitoli e la possibilità di regolare la velocità di riproduzione. L’elenco completo delle funzioni di accessibilità è disponibile nel Centro assistenza. (testo tratto da superabilie.it)

Una-tantum
Mensile
Annuale

Make a one-time donation

Make a monthly donation

Make a yearly donation

Choose an amount

€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

Or enter a custom amount


Your contribution is appreciated.

Your contribution is appreciated.

Your contribution is appreciated.

DonateDonate monthlyDonate yearly

Redazione

Writer & Blogger

Sponsor